Coppia gay si fidanza con una donna: “Presto un figlio”

È molto più di un triangolo, è una vera e propria relazione a tre. Cait, 28 anni, ormai è solita presentare il 38enne Chris e il 28enne Matt come i suoi due fidanzati. I tre vivono in un monolocale a New York e stanno programmando di avere un figlio. In principio la coppia era formata da Chris e Matt, bisessuale uno e “omoflessibile” (aperto a “incontri” etero) l’altro.

trio_21145841 (1)

Attraverso un’App d’incontri hanno conosciuto Cait e deciso di farla entrare nella loro vita.
I due gay stavano insieme da otto anni quando hanno deciso di aprirsi al rapporto con una donna. Matt era molto diffidente all’inizio, ma dopo un po’ si è lasciato andare con la ragazza. “All’inizio ero geloso di Cait”, ha ammesso il giovane al Sun. E anche Cait era gelosa e infastidita dalla presenza di Matt perché più presa da Chris.
“Prima di allora non ero mai stata con due persone contemporaneamente. Adesso quando incontriamo qualcuno spesso dico ‘ciao sono Cait e questi sono i miei due fidanzati’ e le persone credono che io scherzi”, ha dichiarato la 28enne. Matt e Chris si sono sposati e Cait ha celebrato il loro matrimonio.

Grande Fratello Vip, pettegolezzi da bollino rosso: i posti più strani dove hanno fatto l’amore

Triangoli amorosi, baci gay, rapporti d’amore in posti strani: i concorrenti del Grande Fratello si lasciano andare a delle rivelazioni da bollino rosso. Ecco cosa hanno confessato Aida, Giulia, Gianluca e Ignazio prima di essere interrotti proprio dal ciclista per paura di compromettersi e di finire nei guai.

gf-vip@ufficiostampa_2-1024x683

Al GF VIP non si fa che parlare di sess0: inutile nasconderci dietro ad un dito, la tensione è alle stelle e l’astinenza forzata non aiuta i concorrenti. Così se non possono darsi da fare davanti alle telecamere, almeno cercano di parlarne…
E allora via libera a tutte le esperienze che i vip hanno avuto oppure evitato nel corso della propria vita: la fidanzata di Andrea Damante, per esempio, ha confessato di averlo fatto al cinema e forse anche in discoteca, ma non si ricorda bene; Aida Yespica ha svelato di aver baciato una donna e di aver avuto un incontro sexy su un aereo, mentre il comico di Zelig è stato con donne più grandi e non ha mai avuto rapporti gay.
Infine Ignazio Moser ha confidato di aver avuto un menage à trois e di non essersi mai avvicinato a un uomo, poi – memore del polverone che lo ha investito quando ha reso noto a tutti che tiene un’agendina con i voti alle sue amanti – si è autocensurato.
Il bel ciclista ha interrotto il gioco dei pettegolezzi hot al GF VIP puntualizzando:
“Ragazzi questo gioco non è bello, dopo quelle cose che sono successe. Andiamo a metterci … sono troppo teso per parlare di queste cose. Sono lì che tutti ascoltano tutto quello che diciamo e loro si mettono a fare questi giochi qui. Non ho nulla da nascondere però…”
Insomma, sembra che almeno in teoria il trentino abbia imparato la lezione!

“Uomini e Donne è una farsa, ecco la prova”. Bufera sulla trasmissione di Maria De Filippi

ROMA – Da qualche giorno è esplosa la polemica sul trono gay di “Uomini e Donne”. Juan Fran Sierra, ex fidanzato di Claudio Sona, ha affermato a mezzo social che la loro relazione sarebbe proseguita anche durante il periodo del trono. Come riporta il sito Blastingnews, ora Sierra torna alla carica con un nuovo post su Instagram.

41630712 (1)

L’ex compagno di Sona dice di avere le prove della sua relazione con il tronista. Registrazioni telefoniche. Ma la redazione secondo Sierra gli impedirebbe di diffonderle.
“Sig. Mennoia, per quale motivo non ricevo l’autorizzazione a rendere pubbliche le prove che chiarirebbero la situazione? Ah giusto, lei ci va di mezzo!”.
Insomma, Sierra accusa una delle redattrici storiche del programma, facendo intendere che sia tutto una farsa. La redattrice nel frattempo ha pubblicato un post su Instagram in cui afferma che la redazione prende le distanze e aspetta che Claudio Sona prenda una posizione.

Trans incinta del fidanzato gay: “Non vediamo l’ora di stringere nostro figlio”

Dopo aver adottato due bambini scoprono di aspettare il terzo figlio. Biff Chaplow e Trystan Reese, che vivono a Portland, nell’Oregon, hanno voluto raccontare al Daily Mail il loro sogno, quello di avere un figlio tutto loro.

uomo-trans-incinta_02175256

La coppia ha adottato Riley e Hailey dalla sorella di Biff, che ha avuto problemi di droga nel 2011 e adesso l’uomo aspetta un nuovo figlio da Trystan , il suo compagno transessuale. Nel 2016 i due avevano già provato ad avere un bambino ma dopo sole 6 settimane di gravidanza l’uomo aveva avuto un aborto spontaneo, adesso invece sembra che tutto proceda a gonfie vele. «I trans sono nati nei corpi sbagliati e odiano questa cosa. Io, invece, non ho mai sentito il bisogno di cambiare il mio corpo, non lo odio. Per me, anzi, è un dono essere nato in questo corpo», ha spiegato Trystan che ha aggiunto di non vedere l’ora di abbracciare il loro bambino.

“Sono gay”: il primo coming out nella Famiglia Reale terrorizza la Regina Elisabetta

Primo ‘coming out’ pubblico in casa Windsor scuote la Famiglia Reale. Almeno secondo il Mail on Sunday, che oggi pubblica una intervista a lord Ivar Mountbatten, cugino della regina, il quale rivela di essere gay.

reginaelisabetta cugino-3

Figlio cadetto di David Michael Mountbatten, che fu terzo marchese di Milford Haven e testimone di nozze di Filippo ed Elisabetta, nonchè discendente diretto della regina Vittoria, lord Ivar – 53 anni – è stato sposato fino al 2011 con Penelope Thompson da cui ha avuto tre figli. Ma con il tempo, stando al colloquio pubblicato dal domenicale del popolare tabloid londinese, ha scoperto la propria omosessualità. Il Mail scrive che è stato lo stesso aristocratico a invitare un cronista del giornale nella sua residenza per ‘confessarsì a cuore aperto e che l’ex moglie e i figli lo hanno sostenuto in questa decisione, definita «incredibilmente coraggiosa». Mountbatten afferma di sentirsi «molto meglio» dopo il passo compiuto, pur ammettendo di non trovarsi ancora a proprio agio «al 100%» con l’idea d’essere omosessuale.

Dagli Usa: “Il principe Carlo è gay e bacia un toy boy?”: le foto danno scandalo, ma nessuna replica

A Buckingham Palace scoppia lo scandalo dopo la pubblicazione di alcune foto compromettenti che ritrarrebbero il principe Carlo mentre bacia sulle labbra un ragazzo più giovane. Il tabloid americano “Globe” lo spiega a chiare lettere: “Il principe Carlo è gay e lo abbiamo beccato mentre bacia il suo toyboy”.

1773885_principe-carlo1

Gli scoop della rivista vanno presi con le pinze e c’è chi ipotizza che a essere immortalato dai paparazzi sia stato un sosia dell’erede al trono. Di sicuro, le insinuazioni sull’omosessualità di Carlo non sono una novità: già nel 2003 era circolato il gossip su un suo flirt con un valletto di corte. Il “Globe” rilancia e spiega che gli imbarazzati duchi di Chambridge William e Kate avrebbero già intenzione di diseredare il 67enne principe, mentre sua moglie Camilla Parker Bowles avrebbe già avviato le pratiche di divorzio.
Dalla Casa Reale non arriva alcun commento, sembra che lo staff dei Windsor abbia deciso di ignorare foto e notizia.

Alessandro Cecchi Paone: “Pannella si innamorò di me, non potevamo stare insieme”

A pochi giorni dalla morte di Marco Pannella, un retroscena alquanto particolare è stato rivelato da Alessandro Cecchi Paone e riguarda proprio lui e il compianto ex leader dei Radicali.

pannella-e-cecchi-paone-intervistaTra i due, infatti, c’era molto di più di un’amicizia e, se le parole di Cecchi Paone venissero confermate in qualche modo, sarebbe la rivelazione di un lato nascosto di Pannella che nessuno conosceva: “Nel ’94-’95, Pannella veniva spesso mio ospite a Cronaca in diretta, in Rai – ha raccontato Cecchi Paone – Io ero sposato, non percepivo ancora la mia natura, ma lui sì. Ebbe una sorta d’innamoramento”.  Il giornalista però ancora non era convinto delle sue inclinazioni sessuali, prima del suo coming out: “Un giorno dichiarava all’Ansa che avrei fatto il direttore di Tg, un altro che avrei fatto il segretario dei Radicali – ha raccontato ancora Cecchi Paone – Cosa che mi propose. Io ne ero entusiasta, ma sul piano personale non ricambiavo. Dopo, quando ho scoperto di essere gay, mi sono sempre piaciuti i ragazzi giovani. Amo poter trasmettere la mia esperienza, il mio sostegno. Credo che lui fosse uguale. Non eravamo fatti per stare insieme”.