La regina Elisabetta finisce nei Panama Papers: milioni di sterline alle isole Cayman. Nella lista anche Bono, Madonna, Rania di Giordania e Soros

ROMA – Ci sono anche milioni di sterline di profitti generati da proprietà private della regina Elisabetta fra gli investimenti offshore di ricchi e potenti svelati dalle nuove carte dei Panama Papers. La regina risulta aver investito ingenti somme nel paradiso fiscale della Cayman attraverso il Ducato di Lancaster.

EPSOM, UNITED KINGDOM - JUNE 07: HRH Queen Elizabeth II watches the racing at the Royal Enclosure for Epsom Derby on June 7, 2008 in Epsom, England. (Photo by Chris Jackson/Getty Images)

La rivelazione è riportata con evidenza dal Guardian. Imbarazzo pure per Lord Ashcroft, businessman ed ex dirigente del Partito Conservatore britannico, che avrebbe a sua volta nascosto una fortuna pari a 450 milioni su conti offshore.
I dettagli arrivano da un nuovo leak dei Panama Papers, ottenuto da alcuni server provider di 19 paradisi fiscali: da qui il nome di Paradise Papers.
Bono, Madonna, Rania di Giordania, il finanziere George Soros, un ministro di Donald Trump sono alcuni dei personaggi famosi che compaiono nella nuova lista ‘nerà dei paradisi off-shore. Oltre 13,4 milioni di documenti riservati ottenuti dal tedesco Suddeutsche Zeitung che li ha condivisi con l’International Consortium of Investigative Journalists e i suoi partner tra i quali il Guardian, la Bbc, il New York Times e l’Espresso pubblica in esclusiva per l’Italia insieme con Report, la trasmissione d’inchiesta di Raitre.
Il segretario al Commercio di Donald Trump, Wilbur Ross, coinvolto nella nuova inchiesta sui paradisi off-shore svelata dai Panama Papers gestisce affari che hanno legami con il genero del presidente russo Vladimir Putin. Si tratta in particolare di una società di navigazione nella quale Ross ha interessi e con la quale ha effettuato una serie di investimenti offshore, secondo le nuove rivelazioni.

Belen: “Non sono una tr**a”. Incontra hater ma il finale è inaspettato

Tutti i vip, o quasi, sono vittime di haters. Si tratta di utenti, ben nascosti dietro smartphone e pc, che non perdono occasione per aggredire verbalmente, commentare in modo pungente e, a volte cattivo, quanto viene postato sui social dai personaggi famosi ( e non). Belen Rodriguez, personaggio del momento, non è da meno e Le Iene hanno deciso di organizzare un incontro tra la showgirl e una sua accanita hater.

18486400_1263996267055943_5933996201764655145_n

Mary Sarnataro ha seguito il caso e alla fine ha organizzato l’incontro tra le due, anche se la hater non sapeva che si sarebbe trovata di fronte Belen. «Mi devi rimproverare?», ha subito chiesto la ragazza dopo un saluto. «Devo dirti un paio di cosine, ti devo chiedere per quale motivo mi scrivi ‘Schifosa’, ‘L’ha data a cani e porci’, ‘Rubauomini’, ‘facili costumi’…», così è iniziato il loro lungo scambio di battute a cui la ragazza ha subito risposto di non essere la sola ad avere un atteggiamento simile e a scriverle certi commenti. «Ma ti sembra una giustificazione? Ma una cosa è la critica e una cosa sono quelle parole come ‘Tr… a pagamento’, cose che potrebbe legge anche mio figlio», ha replicato Belen. Lo scambio di battute si è concluso, però, nel migliore dei modi, con un abbraccio, le scuse e persino una promessa da parte della hater: «Io, Mary, prometto davanti a Belen Rodriguez che non la insulterò più, non insulterò più nessuno. E soprattutto lei, perché ci ho dato giù pesante».

Che Karina la fidanzata di Fabio Rovazzi!

“Sì, sono fidanzato da un mese… Sono uno che s’impegna nelle storie d’amore. L’ho conosciuta tramite degli amici. Quanto sono stato bravo a non far trapelare nulla dai social?”. Fabio Rovazzi, oltre al successo di Tutto molto interessante, il secondo tormentone dopo Andiamo a comandare, festeggia anche per l’amore.

c_2_fotogallery_3007531_8_image

Quello per Karina Bezhenar, una giovane modella e attrice, come racconta al settimanale Vanity Fair.La sua diventerà una storia alla Fedez-Ferragni? “Fede è un grande amico, ci divertiamo insieme e lui mi dà consigli utili, anche se da quando sta con la Ferragni lo vedo meno. Essere famosi ha anche i suoi contro” dice Rovazzi.Quali? “Non posso più portare fuori Marley, il mio cane. Ho fan che mi perseguitano, soprattutto ragazze. Il peggio è stato quando una trentina di ragazzi si sono piazzati per un giorno sulla tromba delle scale del mio palazzo: ho chiamato i carabinieri. Urlavano: “Rovazziiii, apri!”. Chissà adesso che ha pure una fidanzata supersexy…Ed è felice anche pensando a sua mamma: “Finalmente può dire alle sue colleghe che hanno i figli laureati: Tièèè, invece mio figlio è al Tg1!”.

Diesel sfata il tabù: pubblicità sui siti hot più famosi. “È lì che va la gente”

«Andiamo dove va il pubblico». E se tutti vanno sui siti hard, anche Diesel ci va a pianificare la sua campagna pubblicitaria. Questa la filosofia del marchio di Renzo Rosso, il primo brand a esordire con una campagna su Pornhub e YouPorn.

primavera-estate-2011-orologi-diesel-thermal-attraction-1

Cadono i veli per la pubblicità dell’azienda di Renzo Rosso: non tanto quelli sui corpi (nelle foto solo modelli vestiti, ma fino a un certo punto), ma quelli dell’ipocrisia. «Tutti visitiamo siti come Pornhub» ha affermato l’art director Nicola Formichetti alla rivista Dazed. «E allora perché, prima di masturbarsi, non posso fermarmi per un momento e guardare un nuovo paio di scarpe?». Immagini decisamente hot soprattutto nel materiale video dove si vedono effusioni e toccamenti, baci sensuali e di sfuggita mani che spogliano: momenti sensuali anche tra persone dello stesso sesso.

Cara Delevingne: “Kate Moss mi ha salvata”

Cara Delevigne è una che ama divertirsi. Almeno così pare guardando i suoi profili social. Sorridente, decisa, a posto con se stessa Cara però non lo è sempre stata. Ospite alla conferenza “Women in the World” a Londra, la modella ha parlato delle sue ricorrenti crisi di depressione, tornando sui motivi del ritiro dalle passerelle annunciato qualche mese fa. E per la prima volta ha fatto il nome della persona che l’ha salvata dal baratro: Kate Moss.

Cara Delevingne & Kate Moss

“Quando andavo a scuola ero arrivata al punto di avere un crollo mentale – ha detto Cara Delevingne – Avevo istinti suicidi, non volevo più vivere. I problemi che avevo li mascheravo con i medicinali. Volevo solo che qualcuno mi fermasse, che mi dicesse ‘hai bisogno di una pausa’. Mi sentivo come se non fossi brava abbastanza, come se stessi vivendo il sogno di qualcun altro”.
Il supporto necessario, la ex modella, 23 anni, lo ha trovato nell’amica Kate Moss, della quale è stata considerata spesso erede nell’olimpo dellla moda: “Kate mi ha raccolta e risollevata da terra, in un periodo molto difficile, e così, dietro suo suggerimento, ho iniziato a dire no e a prendermi una pausa”.
“La nostra cultura ci insegna che se siamo belli, magri, e famosi tutti ci ameranno, che solo così saremo felici. Ma non è esattamente vero”, ha concluso la modella, lanciando un messaggio ai ragazzi che vivono i suoi stessi problemi: “La depressione non è qualcosa di cui vergognarsi. Accettatevi per come siete, amatevi, accettate le vostre imperfezioni, perché sono quelle che ci rendono speciali”.
Cara Delevingne e Kate Moss sono molto amiche, sono testimonial in coppia di diversi brand. Due icone della moda dalla vita non sempre facile.

Kate Middleton a New York sfila in cappottino

Prima visita ufficiale a New York per la duchessa di Cambridge, insieme al principe William.
Elegante, sofisticata e perfetta: dopo la piccola “caduta” di stile e popolarità dello scorso mese, Kate Middleton ha deciso di riconquistare il suo aplomb direttamente da oltreoceano e così, nella Grande Mela, ha sfoggiato sempre mise adeguate per il suo ruolo istituzionale.

Kate-Middleton-New-York-cappotto-Seraphine-Marina-pre-maman-4Atterrata all’aeroporto JFK la Middleton era raggiante, con il suo cappottino pre maman Marina di Seraphine. In lana bordeaux, con dettagli neri, copriva dolcemente  il suo pancino ormai al quinto mese di gravidanza. Il tempo di qualche scatto e poi via al Carlyle Hotel, lo stesso albergo dove ai tempi alloggiava anche la principessa Diana.

New-York-Principe-William-Kate-Middleton-cappottoTory-Burch-Bettina-grigio-LeBron-James-2Non solo “dovere” però. Kate, infatti, si è goduta lo spettacolo dell’Nba con il match Brooklyn Nets e Cleveland Cavaliers. Non è mancata nemmeno la foto ricordo insieme a uno dei giocatori più famosi del campionato, LeBron James che, oltre ad omaggiare la Middleton con un regalino per George – la divisa dei Cavaliers versione baby – ha posato con tanto di mano sulla spalla della duchessa. La Middleton ha optato per un look sportivo: pantaloni neri, ballerine e un cappottino grigio modello Bettina disegnato da Tory Burch.
Eventi mondani a parte, Kate a New York ha adempiuto ai suoi doveri istituzionali.
Così, per incontrare Chirlane McCray, first lady della città e moglie del sindaco Bill de Blasio, la duchessa ha optato per un capospalla a tema: il modello Washington di Goat, total black con profili bianchi in contrasto e inserti dorati che ricordano le mostrine militari sulle divise.
Un tocco di colore per la visita al 9/11 Memorial – il monumento in memoria delle vittime dell’attentato dell’11 settembre 2001 – dove, “scortata” da un premuroso William con tanto di ombrello in mano, ha lasciato un mazzo di fiori a nome suo e del consorte. Il capotto di Mulberry era davvero un raggio di luce in netto contrasto con la giornata uggiosa e invernale.
Kate è tornata ad essere l’icona di stile di sempre, per la gioia di sudditi e ammiratori.