“Grande Fratello Vip”, Cecilia è in crisi, Ignazio la consola e le bacia… i piedi

Ennesimo crollo emotivo per Cecilia Rodriguez nella Casa del “Grande Fratello Vip” . La bella argentina continua a piangere e a mostrare malessere e disagio. Ignazio tiene molto a lei e nell’ultimo periodo il loro ‘legame’ si è rafforzato molto. Forse le continue crisi della sorella di Jeremias sono legati anche a questo. Dopo l’ennesimo momento di crisi il ciclista va da lei e cerca di consolarla mentre è a letto, riempiendola di coccole e attenzioni che lei sembra non disdegnare.

C_2_articolo_3103548_upiImagepp

La situazione è sempre più complicata per Cecilia. In fondo lei fuori dalla Casa ha una persona con la quale ha una relazione da ben quattro anni. Lui è single e più libero di lasciarsi andare alle emozioni.
E questo è proprio ciò che sembra stia per succedere. Moser sembra ormai rapito da Cecilia, i suoi sguardi parlano chiaro, forse il giovane si sta innamorando. A letto con lei, le accarezza le labbra, le tiene la mano, la osserva in silenzio, poi le sussurra: “Voglio stare qui con te!”
Anche le altre “femmine” della Casa cercano di capirne un po’ di più sul malessere di Cecilia, soprattutto Corinne. In fondo, sin dai primi giorni di permanenza, l’attrice francese ha sentito un certo feeling con la giovane venezuelana. “Mi occuperò io di lei se dovesse uscire Jeremias”, aveva detto la settimana scorsa.
Anche la giovane d’altra parte sembra aver trovato in lei un’amica, una persona con la quale confrontarsi. “Pensavo di aver trovato un equilibrio e invece…”, spiega. Poi, parlando del suo fidanzato, dice: “È una persona stupenda, mi ha salvato la vita, però ho voglia di pensare a me!”
Alla chiacchierata si aggiunge Carmen, anche lei decisa a confortare l’affascinante argentina, che sembra proprio non darsi pace. Le lacrime solcano di nuovo il suo viso, le preoccupazioni e i timori sono tanti. “Non posso non pensare”, spiega. La Russo prova a stemperare la tensione raccontando una serie di aneddoti e a quanto pare ci riesce. Cecilia appare un tantino più rilassata. Aida interviene e le dice: “Hai le idee confuse”, ma Cecilia ribatte prontamente: “No, ce l’ho più chiare che mai”.

“Tolsi la sua mano dal mio seno, disse che ero una p… che meritava di essere stuprata”

Ha solo 18 anni, ma come tante ragazze può dire di essere stata vittima di tante molestie sessuali e ha deciso di usare l’arte contro l’ignoranza e il maschilismo. La giovane artista Florence Given, più nota come Floss, sta diventando sempre più famosa grazie alle sue opere, alcuni schizzi che denunciano il comportamento di certi uomini e l’indifferenza di una società che sembra sempre più propensa a colpevolizzare le vittime.

florence_27130814

I suoi racconti di vita vissuta, d’altronde, lo testimoniano. A 14 anni, dopo aver conosciuto un ragazzo di due anni più grande ad una festa, aveva deciso di baciarlo. All’improvviso, l’adolescente le ha afferrato il seno e Florence aveva deciso di allontanare la mano del ragazzo, scatenando però la sua ira: «Mi disse che ero una p… frigida e che meritavo di essere stuprata». Quello, però, non fu l’unico caso. Pochi mesi fa, ad esempio, mentre si trovava in fila per entare in discoteca, la bella Florence era stata avvistata dai buttafuori, che con altri ragazzi avevano iniziato a infastidirla con frasi e battute sconce sul suo seno. Quando aveva raccontato la vicenda a casa, i genitori e il fratello la attaccarono così: «Ma tu indossavi ancora QUEL vestito aderente? Te la sei cercata».
Già, proprio quella frase, tipica di chi colpevolizza le vittime. Pronunciata da chi avrebbe dovuto difenderla a spada tratta e invece ha dimostrato di essere prigioniero di una concezione maschilista della società. Per questo motivo Floss ha deciso di realizzare ed esporre in una mostra le sue vignette, che spiegano meglio di tanti discorsi il punto di vista delle ragazze che non solo vengono molestate, ma non hanno neanche la possibilità di difendersi e avere giustizia.
Qualcosa, però, è cambiato, come racconta la giovane artista al Mirror: «Dopo aver visto i miei lavori ora anche la mia famiglia mi supporta. Non è facile, sul web ricevo sempre messaggi di uomini che dicono che sono “p… come tutte le femministe” e che “merito di essere stuprata perché “le donne appartengono agli uomini e gli uomini possono fare il c…o che vogliono”».

Modella di 14 anni collassa e muore dopo 13 ore di sfilate no-stop

Sul suo contratto c’era scritto che doveva lavorare un massimo di tre ore al giorno, in realtà ne passava almeno 12 sfilando, senza assicurazione medica né giorni di festa. Venerdì, dopo l’ennesima, estenuante giornata passata in passerella a Shanghai è collassata e, dopo due giorni di coma, è morta.

russian-mode-vlada-dzyuba-201547

Vlada Dzyuba aveva solo 14 anni, veniva dalla città russa di Perm, e da tre mesi era impegnata in una serie di sfilate in Cina. Secondo la prima ricostruzione medica la giovane soffriva di meningite cronica ed esaurimento nervoso. Adesso è partita un’indagine, che ha riaperto il dibattito sulle condizioni di lavoro, anche minorile, nel mondo della moda. Mosca ha chiesto chiarimenti alla Cina e alla società per cui Vlada lavorava. Sulla vicenda sta indagando anche l’autorità del Cremlino sui diritti umani, Pavel Mikov.
Secondo le prime ricostruzioni, la 14enne non aveva un’assicurazione medica e il decesso è stato causato da una meningite cronica, aggravata da un grave esaurimento nervoso. A riportare la notizia sono i tabloid britannici, che citano una ricostruzione del The Siberian Times, secondo cui la ragazza aveva la febbre altissima quando ha iniziato a sfilare. Dodici ore dopo, è collassata per la stanchezza. La madre, disperata, ha raccontato che Vlada le diceva sempre che si sentiva stanca, e che voleva dormiva. «Io la pregavo di andare all’ospedale». La donna stava cercando di ottenere un visto per raggiungerla. Il capo dell’agenzia di moda che aveva dato a Vlada la possibilità di partire per il suo viaggio di lavoro, Elvira Zaitseva, ha ammesso di non aver controllato il contratto della ragazzina: «Adesso raccogliamo ciò che abbiamo raccolto».

Wanda Nara a processo, ha diffuso sui social il cellulare dell’ex Maxi Lopez

Una bella gatta da pelare per Wanda Nara. La moglie e manager dell’interista Mauro Icardi è finita a processo dopo che la bella e prorompente argentina ha postato sui social la mail e il cellulare dell’ex marito Maxi Lopez, ai tempi in cui il matrimonio finì in modo tormentato. Il calciatore dell’Udinese l’accusa di avergli procurato un danno visto che erano in corso le delicate trattative di calciomercato.

gettyimages-451693607-default

Secondo l’accusa la Nara avrebbe postato su Twitter e Facebook i dati personali di Lopez per “recare un danno” al suo ex marito. Per questo la showgirl nata a Buenos Aires, difesa dal legale Marco Ventura, è finita a processo a Milano per trattamento illecito di dati privati a seguito della denuncia del giocatore, rappresentato dall’avvocato Aldo Cribari. Il dibattimento a carico di Wanda Nara, sposata con Icardi che era compagno di squadra di Lopez nella Sampdoria, è iniziato alla seconda sezione penale davanti al giudice Bulgarelli ed è stato rinviato al 22 novembre per l’esame in aula proprio di Maxi Lopez, parte civile.
Nell’imputazione formulata dal pm Galileo Proietto si accusa Wanda Nara di aver condiviso il 22 giugno del 2015 sui social i dati personali, tra cui anche l’indirizzo email, dell’ex marito, per “trarne profitto” procurando “nocumento” a Maxi Lopez anche perché erano in corso in quel periodo “le operazioni di calciomercato”. La condotta di Wanda, infatti, secondo il pm, avrebbe impedito “per via del susseguirsi di chiamate e email da parte di fans, un normale svolgimento delle trattative commerciali e calcistiche dell’atleta”.

Luca Onestini mollato, Soleil parla per la prima volta a Pomeriggio 5: “Ecco la verità…”

ROMA – A meno di 24 ore dallo sfogo di Luca Onestini, che ha saputo in diretta tv di essere stato mollato dalla fidanzata Soleil Sorgè, l’ex corteggiatrice racconta la sua verità nel salotto pomeridiano di Barbara D’Urso.

3293304_1935_onestini_soleil

“Gianmarco (il fratello di Luca Onestini, ndr) – spiega Soleil – credo abbia voluto strumentalizzare tutta questa faccenda e per non far star male Luca ha buttato le colpe tutte addosso a me. Dubito di Luca. Anche della bambolina che ha creato. Una ragazzo che ha già partecipato al Grande Fratello gli aveva suggerito di farlo. Oggi mi sento tradita. Anche negli ultimi tempi la nostra storia era diventata fragile e non per colpa mia”
E continua: “Il nostro rapporto era fortemente in crisi prima che lui entrasse al Grande Fratello. Ci siamo così visti e abbiamo deciso di continuare anche per capire se da soli stavamo bene o no. La promessa che ci siamo fatti era di spalleggiarci a vicenda”.
Conclude Soleil: “Essere uscita con un altro non significa averci fatto altro…E questo purtroppo è quello che Luca ha capito. Ma non è la verità. Non mi reputo più adesso la fidanzata di Luca”. Lo riporta il sito Leichic.

Stefano Bettarini: “Insieme a Simona come una volta per nostro figlio”

Dopo anni di silenzi e attacchi social, anni difficili in cui Simona Ventura e Stefano Bettarini non si sono risparmiati niente, per gli ex coniugi torna il sereno. Come confessa l’ex calciatore al settimanale “Chi” che testimonia il loro incontro con delle foto che Tgcom24 pubblica in esclusiva. “E’ una donna intelligente, nonché una gran madre”, spiega.

C_2_articolo_3099905_upiImagepp

“Ci siamo rivisti a Milano per il compleanno di Niccolò – prosegue – che sta recuperando da un intervento per la rottura dei legamenti. Nostro figlio ha compiuto diciannove anni, è in una fase delicata della vita in cui bisogna saper correre verso il futuro con le idee chiare. Simona e io siamo in primis due genitori che amano alla follia i propri figli”.
E oggi che Nick deve prendere la sua strada, i genitori si sono seduti allo stesso tavolo per parlare come una famiglia del suo futuro: “Simona ha ragione quando dice: ‘Bisogna sempre parlare’. Parlare è stato importante per noi. Siamo due genitori responsabili. I nostri dissidi non mineranno mai l’amore e il bene costruttivo che abbiamo per Niccolò e Giacomo”.

Alba Parietti: “Sesso è noia. Quello che si poteva fare l’abbiamo già fatto. Poi l’ansia da prestazione…”

MILANO – “Sogno un matrimonio senza sesso, il sesso per me è ormai solo una noia”.
Alba Parietti si confessa sulle frequenze di Radio Cusano Campus per la trasmissione ECG, condotta da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio: “Tutto quello che si poteva fare l’abbiamo già fatto, in tutti i modi. Ormai cerco di volare alto, ma più cerco di volare alto, più vogliono riportarmi verso il basso.

alba_parietti_sexy_ibiza_645

Gli uomini non hanno voglia di volare alto, mi vedono tutti sempre e solo come un oggetto. Io voglio rimanere un monumento nazionale poco utilizzato, questo è il mio destino”.
Da sempre è considerata un sogno erotico italiano: “Non te ne rendi conto, se ne rendono conto gli uomini che vengono con te e infatti tutti i miei compagni hanno sofferto dell’ansia da prestazione, ma in una maniera che non potete nemmeno immaginare. Tutti pensano che io abbia fatto chissà quali cose, che sia stata la tigre del materasso. Le reazioni umane degli uomini sono sempre le stesse, tutti si sentono terrorizzati da ciò che posso aspettarmi, mentre io ora vorrei solo dei rapporti spirituali che loro non sono in grado di darmi. Per questo dovrò rivolgermi o a una donna o a un gay”.
A breve dovrebbe tornare in tv a fianco di Costantino della Gherardesca: “Se sarò una delle mogli di Costantino della Gherardesca in tv? Non lo so, sono stata contattata dalla produzione a giugno, due o tre volte. L’idea mi piaceva molto, la trovo vincente e intelligente, ma non ho più avuto risposta. Io avrei tanto voluto sposarmi con Costantino, sarebbe il mio marito ideale, anzi la mia moglie ideale, avremmo fatto grandi cose, ma non ho più avuto risposte, quindi sono in attesa di sapere se avrò questo onore. Io è una vita che spero di sposare un gay, mi ci trovo perfettamente. Fino ad ora con gli etero ho dovuto fare dei compromessi”.